visitare le ciampate del diavolo6
Cartoline da Roma

Visitare le Ciampate del Diavolo, il geosito con le orme dei nostri antenati

Avreste mai pensato di poter visitare le Ciampate del Diavolo, ovvero le orme del diavolo? Ebbene, nel comune di Tora e Piccilli, in provincia di Caserta, potrebbe capitarvi davvero. Si trova qui il sito paleonotologico delle Ciampate del Diavolo, all’interno del suggestivo Parco Regionale Roccamonfina. 

Visitare le Ciampate del Diavolo: la leggenda delle orme

Alle pendici del vulcano spento di Roccamonfina si trovano alcune impronte particolari. Secondo la tradizione sarebbero appartenute ad un diavolo, sfuggito all’eruzione del vulcano. Soltanto un essere diabolico avrebbe potuto camminare sulla lava incandescente.

visitare le ciampate del diavolo cartello

Una leggenda affascinante che ha tenuto banco fino al 2003, quando su queste orme si sono accesi i fari della scienza. Grazie ai ricercatori Dr. Adolfo Panarello e Dr. Marco De Angelis, e al prof. Paolo Mietto dell’Università degli Studi di Padova, lo studioso che aveva scoperto e pubblicato le prime impronte di dinosauri in Italia, si è infatti scoperta una realtà ancora più  entusiasmante: quelle visibili presso il geosito delle Ciampate del Diavolo sono delle orme fossili di Homo heidelbergensis, risalenti a circa 350.000 anni fa, impresse su di un pendio di tufo – non certo di lava consolidata. Insomma, niente di meno che le tracce lasciate dai primi italiani! Basti pensare che al momento le Ciampate rappresentano il più antico esempio conosciuto in Europa di traccia umana. 

visitare le ciampate del diavolo9

L’importanza delle Ciampate del Diavolo

Visitare le Ciampate del Diavolo significa vedere da vicino luogo dallo straordinario potenziale paleontologico. Si tratta di almeno 46 orme fossili umane di epoca preistorica, organizzate in almeno due piste discendenti un pendio molto ripido. Restituiscono informazioni importanti sul comportamento di questi ominidi antichissimi”, spiega Adolfo Panarello, esperto del sito. 

Ho avuto la fortuna di visitare le Ciampate del Diavolo, geosito unico, al mondo qualche mese fa, in occasione della quinta edizione della Settimana del Pianeta Terra, il festival nazionale delle Geoscienze che apre le porte del patrimonio naturale e geologico italiano. 

visitare le ciampate del diavolo7

Come visitare le Ciampate del Diavolo

Per visitare le Ciampate del Diavolo vi basteranno scarpe e abbigliamento comodi: l’escursione prende il via dalla piazzetta della frazione di Foresta, nel comune di Tora e Piccilli. Si oltrepassa una recinzione di ferro e si prosegue lungo una stradina all’interno di un boschetto. Si raggiunge infine una passerella che ricalca il più antico sentiero preistorico al mondo percorso dall’uomo e che si affaccia su un pendio vulcanico: dovrete quindi fare un po’ di attenzione ma se avrete occhio riuscirete a vedere le orme dei nostri antenati!

Risalendo, visitate borgo di Tora e Piccilli e la torre svevo-normanna completamente restaurata.
Salendo in cima potrete godere di una vista stupenda!

Per visitare le Ciampate del Diavolo il consiglio è quello di prenotare – per non rischiare di trovarvi il passo sbarrato – e chiedere informazioni per le visite guidate contattando l’Associazione Culturale Orme al numero: 331 3020113.

 

visitare le ciampate del diavolo torre

visitare le ciampate del diavolo panorama

 

4 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *